International research

International research

La comunità scientifica opera in tutto il mondo e l’attività di ricerca è continua. Reviews e notizie mirate, sintetiche ed aggiornate consentono agli scienziati che operano nei diversi paesi di divulgare i risultati dei propri studi e di confrontarsi con gli altri ricercatori impegnati nei medesimi ambiti.

International News (novembre 2016): Aromaterapia con lavanda in menopausa; Salsa di pomodoro e fattori di rischio cardiovascolari; Dragoncello e controllo della glicemia

- Aromaterapia con lavanda in menopausa: Dieta, esercizio fisico e alcune altre pratiche, tra cui l’aromaterapia e le tecniche di rilassamento, stimolando la produzione
di serotonina e di endorfine, possono ridurre la gravità e il numero di vampate di calore.
L’obiettivo di questo studio crossover in doppio cieco, controllato con placebo, è stato quello di misurare l’effetto dell’inalazione di olio essenziale di lavanda (Lavandula spp.) sulla frequenza delle vampate di calore nelle donne in menopausa.

- Salsa di pomodoro e fattori di rischio cardiovascolari: Scopo di questo studio realizzato da ricercatori spagnoli è stato quello di valutare gli effetti postprandiali di una singola dose di pomodori crudi (RT), salsa di pomodoro (TS) e salsa di pomodoro con olio d’oliva raffinato (TSOO) sui fattori di rischio delle malattie cardiovascolari.

- Dragoncello e controllo della glicemia: Il principale meccanismo d’azione alla base dell’attività ipoglicemizzante è associato al miglioramento della sensibilità all’insulina e del segnale intracellulare tramite un aumento dell’attività del suo recettore substrato dell’enzima fosfoinositide 3-chinasi AKT1, il cui effetto è quello di permettere alla cellula un più efficace assorbimento del glucosio extracellulare.

International News (luglio-agosto 2016): Composti fitochimici e neuroinfiammazione; Biscotti arricchiti con idrossitirosolo

- Composti fitochimici e neuroinfiammazione. Una grande varietà di alimenti tra cui frutta, verdura, cereali, noci e cacao o cioccolato così come tè, caffè e vino contengono una vasta gamma di sostanze bioattive che hanno dimostrato di essere efficaci nell’aumentare la presenza di enzimi antiossidanti, fattori neurotrofici e proteine anti-apoptosi.

- Biscotti arricchiti con idrossitirosolo. L’idrossitirosolo (HT) è considerato uno dei fenoli più rappresentativi tra i composti fenolici presenti nell’olio d’oliva vergine ed extravergine. I prodotti alimentari a base di cereali sono consumati quotidianamente in tutto il mondo e in grandi quantità; in particolare, i biscotti sono un alimento comune consumato da diversi gruppi della popolazione (bambini, adolescenti e adulti). Arricchire prodotti da forno, quali i biscotti, con HT può essere una strategia interessante per aumentare la gamma di alimenti che lo forniscono, favorendo l’assunzione di questo fenolo bioattivo che normalmente è quasi esclusivamente presente nell’olio e nei prodotti da esso derivati.

International News (giugno 2016): Probiotici e depressione, uno studio clinico; Zafferano contro ansia e depressione;

- La ricerca ha rilevato che i probiotici possono avere diversi effetti benefici su un’ampia gamma di disturbi come infiammazioni intestinali e sindrome del colon irritabile, sul miglioramento dell’intolleranza al lattosio e la prevenzione del tumore al colon. Diversi studi hanno evidenziato azioni positive dei probiotici anche sulla sfera mentale.

- Recenti studi hanno rivelato che lo zafferano ha effettive proprietà antidepressive; infatti, gli stigmi e anche i petali di Crocus sativus hanno dimostrato la loro efficacia nella gestione della depressione e dell’ansia in studi sull’uomo e in modelli animali.

International News (maggio 2016): Semi d'uva e pressione sanguigna; Integratori vegetali e possibili effetti avversi; Sciroppo di cedro ed emicrania

- L’uva e i prodotti derivati contengono un’ampia gamma di composti, in particolare i semi d’uva possiedono un’elevata concentrazione di catechine, epicatechine e tannini, in funzione della varietà, della lavorazione, delle condizioni e del tempo di conservazione. Alcuni studi clinici riguardanti l’integrazione alimentare con estratti di semi d’uva hanno mostrato una riduzione clinicamente rilevante della pressione sistolica e di quella diastolica.

- Nell’ambito del Progetto PlantLIBRA è stata effettuata la prima indagine europea che ha coinvolto 2.359 soggetti adulti di Finlandia, Germania, Italia, Romania, Spagna e Regno Unito, volta a ottenere nuovi dati sul consumo di integratori alimentari a base di ingredienti vegetali (Plant Food Supplements – PFS), i cosiddetti botanicals.

- Recenti studi farmacologici hanno indicato che il frutto del cedro (Citrus medica L.) possiede proprietà analgesiche e antiossidanti, ascrivibili al contenuto di flavonoidi, polisaccaridi e acidi organici.
Per valutare l’efficacia e la sicurezza dell’uso dello sciroppo di cedro in pazienti con emicrania, alcuni ricercatori iraniani hanno progettato uno studio clinico in doppio cieco randomizzato e controllato con placebo, che ha coinvolto 90 soggetti con emicrania.

International News (aprile 2016): Zenzero, rosmarino, calendula; Dispepsia funzionale, nigella e miele; Astragalo e infiammazioni e tumori intestinali

- Recenti studi farmacologici hanno dimostrato che l’estratto di rosmarino (Rosmarinus officinalis) ha proprietà antiossidanti e antibatteriche e può migliorare la guarigione di ulcere della bocca e gengive sanguinanti. Lo zenzero (Zingiber officinale) è un’altra pianta medicinale in grado di ridurre la biosintesi delle prostaglandine e di esercitare effetti inibitori contro la crescita batterica parodontale. Le proprietà antinfiammatorie della calendula (Calendula officinalis) sono dimostrate da numerosi studi precedenti.

- Nigella sativa, pianta diffusa in Medio Oriente, Asia Meridionale ed Europa Orientale, ha dimostrato diverse proprietà farmacologiche inclusa quella antinfiammatoria, antimicrobica, analgesica, immunomodulante e antiossidante. Oltre che in numerosi studi preclinici, la sua attività è stata valutata in diversi studi clinici relativi a condizioni come ipertensione, diabete mellito, iperlipidemia, allergie, asma e artrite reumatoide. Anche il miele è usato in caso di disturbi gastrointestinali ed è conosciuto per la sua azione antibatterica, che ha mostrato benefici nel trattamento di infezione da Helicobacter pylori.

- Tra le sue diversificate applicazioni cliniche, l’uso potenziale di astragalo e dei suoi costituenti chimici nel trattamento di malattie infiammatorie e tumori è stato attivamente indagato negli ultimi anni e, in funzione della sua attività immunomodulante, sono state valutate oltre 100 formulazioni della MTC. Trattamenti a base di A. membranaceus hanno dimostrato un significativo miglioramento della tossicità indotta da altri farmaci somministrati contemporaneamente (per esempio, immunosoppressori e chemioterapici antitumorali).

PlantLIBRA, la scienza per gli integratori alimentari a base vegetale

Un progetto europeo che si estende ad altri continenti e che dopo quattro anni di lavoro è in grado di offrire a operatori e istituzioni una notevole quantità di dati scientifici relativi a diversi aspetti dell’utilizzo degli integratori alimentari che contengono botanicals. Abbiamo tracciato un primo bilancio del progetto, in vista del suo termine previsto il prossimo maggio, e le possibili prospettive future con Patrizia Restani, coordinatore di PlantLIBRA, e con Brunella Carratù, dell’Istituto Superiore di Sanità, referente per il Network dei laboratori di analisi.

Pagina 2 di 4

Area Riservata Abbonati GOLD



Entra nella Photo Gallery!

Nuova fotogallery 2014

Sfoglia la Raccolta Phytotherapy Reviews

Sfoglia la Raccolta Phytotherapy Reviews

Abbonamenti

Abbonamento basic
Abbonamento gold

Abbonamento studenti